La migliore scheda madre

Che cos’è una scheda madre?

La scheda madre, conosciuta anche come motherboard, mainboard, o semplicemente MB, M/B o mobo, è la parte più importante di un qualsiasi PC. Una scheda madre, infatti, ha il fondamentale compito di gestire e alimentare correttamente tutte le varie componenti ad essa collegate, CPU, RAM; SCHEDA VIDEO, ECC…

Come scegliere una scheda madre

Per scegliere una scheda madre, i fattori più importanti da considerare prima di acquistarne una sono soprattutto tre, ovvero il formato, il socket, ed il chipset utilizzato. Per capire quale scheda madre comprare, per prima cosa dovrai aver chiaro quale processore vuoi utlizzare.

Quale formato scegliere

Un altro fattore importante è il formato o la grandezza della scheda madre, i più diffusi sul mercato, sono il le standard ATX, con delle dimensioni pari a 305 × 244 millimetri, standard microATX, chiamato a volte anche µATX, mATX o uATX, con delle dimensioni massime pari invece a 244 × 244 millimetri.

Come scelgo la scheda madre più adatta alle mie esigenze?

Scegliere una scheda madre adatta alle vostre esigenze non è poi un lavoro così arduo, ma ci sono diversi fattori da tenere in considerazione per un’esperienza d’uso soddisfacente. Di rado spendere molti soldi per una motherboard è necessario, molto spesso viene fatto a sproposito.

È necessario spendere più di 150 euro?

Ci sono situazioni in cui il budget non è un problema. Ebbene, sappiate che se il vostro uso del PC è blando, cioè vi limitate a giocare a qualcosa per un paio d’ore al giorno, fate operazioni comuni come navigare e non avete la minima intenzione di smanettare con overclock e tensioni, avere una scheda madre costosa non serve assolutamente a nulla.

Assicuratevi di avere una configurazione bilanciata e ricordate che, a patto che non si svolgano operazioni particolarmente stressanti e prolungate per il processore e che questo sia molto energivoro, allora possiamo valutare una scheda madre che possa superare i 100 euro.. e sopratutto che permette l’Overclocking.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*